RINASCE IL CALCIO A NOVELLARA

LMISSIONa nuova società: “I nostri gol più importanti? Sport genuino e avere l’aiuto di tutti”.
Il primo luglio è nata ufficialmente l’asd Novellara sportiva dopo un percorso durato due mesi e condiviso con l’amministrazione comunale. “Una società giovane, fresca, ma anche di esperienza. C’è tanto entusiasmo e voglia di fare, ma la partita è appena iniziata e c’è bisogno dell’aiuto di tutti. E’ importante per riportare con decisione il calcio a Novellara e ridare al paese quell’identità calcistica un poco sbiadita negli ultimi anni”, dicono all’unisono i nuovi dirigenti.

Ma chi sono questi appassionati volontari che hanno deciso di mettersi in gioco? Partiamo dal presidente Stefano Camurri, poi i vice Emiliano Vecchia e Stefano Salvarani; Gianluca Tondelli (responsabile settore giovanile), Andrea Bedogni (responsabile prima squadra), Marco Tondelli (dirigente settore giovanile), Omar Malagoli (segreteria), Appio Morellini (responsabile prima squadra), Monica Rossetti (cassiera). Inoltre due soci esterni: Davide Orlandini (responsabile settore giovanile), Riccardo Ghizzoni (amministrazione). Il consiglio è stato votato da 45 soci che hanno deciso di dare il proprio contributo alla società.

ragazzi_novellaraL’obiettivo è chiaro e preciso: il divertimento prima di tutto. I ragazzi che sceglieranno di giocare a calcio dovranno stare in compagnia e imparare il gioco in modo sano e spensierato; inoltre i campi dovranno ritornare ad essere un punto di incontro e di aggregazione ed è questo che il Novellara si prefissa da oggi in poi. Non solo calcio quindi, ma un luogo di crescita umana per i giovanissimi che inizieranno a calpestare l’erba degli storici campi A , B, C, e D. Il settore giovanile sarà composto dagli ESORDIENTI primo anno (classe 2004), PULCINI (2005-2006-2007), PRIMI CALCI (2008), PICCOLI AMICI (2009), AVVIAMENTO SPORTIVO (2010). Otto allenatori suddivisi in due categorie: istruttori ISEF e allenatori UEFA B. “Ma c’è bisogno di tutti: dai genitori volontari, alle aziende e attività commerciali presenti sul territorio”, sottolinea lo staff.

Ma non solo settore giovanile. La prima squadra è stata ripescata nel campionato di seconda categoria e si appresta ad affrontare con tanto entusiasmo una stagione dura. “Si è scelto anche qui il mix di giocatori d’esperienza e giovani”, evidenziano i responsabili della prima squadra Andrea Bedogni e Appio Morellini. “C’è tanta voglia di calcio a Novellara, fatto di passione, divertimento, educazione”, concludono presidente e consiglieri. La società si pone come traguardo proprio questo: ridare al paese un calcio fatto di valori genuini, guardando al futuro e in prospettiva, per far sì che i giovani non diventino soltanto calciatori, ma prima di tutto uomini.
Daniele Gareri

 

Intervista al presidente Stefano Camurri

La neonata società “Novellara Sportiva” dopo otto mesi di attività, non cambia il suo obbiettivo principe: riportare il calcio ai novellaresi.

presidente CAMURRI-STEFANOPresidente, può farci un bilancio dei primi otto mesi di attività?
“E’ un bilancio positivo ma che ci deve dare ancora più forza per il futuro. Sono orgoglioso di partecipare a questo progetto che è stato voluto insieme a persone che stimo e rispetto per l’impegno che ci mettono tutti i giorni. Sicuramente abbiamo intrapreso una strada impegnativa ma stiamo raccogliendo i primi frutti: tanto entusiasmo all’interno e fuori dai campi, sia da parte dei piccoli atleti che dei loro genitori”.

Si è notato molto fermento in questi mesi, tanti tornei e diverse iniziative, c’è altro in programma?
“Sì, abbiamo cercato di darci da fare organizzando diverse cose. I prossimi tornei in calendario sono quelli del 25 aprile, del 1° maggio e del 2 giugno a cui parteciperanno squadre anche al di fuori della provincia”.

Come società, dove potete migliorare ancora?
“C’è tanto lavoro da fare e siamo solo all’inizio. Gli aspetti da migliorare sono tantissimi, soprattutto sul coinvolgimento dei genitori. I volontari non sono mai abbastanza. Ricordiamo che tutti noi dirigenti siamo volontari e non percepiamo nessun rimborso. Naturalmente per chi volesse darci una mano le porte sono aperte”.

Come ha reagito la società dopo la divisione con il progetto intesa?
“La società ha reagito bene e i numeri ci danno ragione fino all’annata 2004. Naturalmente come siamo pronti ad accogliere anche i ragazzi più grandi con l’obbiettivo di creare una “juniores” o una squadra di “allievi” oppure di “giovanissimi”, in base al numero e all’età dei ragazzi che decideranno di ritornare a giocare a Novellara”.
Daniele Gareri